CONSIGLIO COMUNALE: CONSUMIAMO E SVENDIAMO IL NOSTRO TERRITORIO, LA RICETTA PALOZZI PER SANARE I DEBITI DEL COMUNE

6 agosto 1945 ore 8.16: Bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki

6 agosto 2010 ore 16.30: Consiglio Comunale di Marino votate 6 Varianti al P.R.G.

Con le debite proporzioni a volte le date delle distruzioni trovano inquietanti coincidenze

Lo scorso venerdì 6 Agosto si è celebrato l’ennesimo consiglio comunale nel quale si continua a sancire il consumo e la svendita della nostra Terra, come è ormai diventata consuetudine da 4 anni a questa parte, da quando il sommo Palozzi è salito sulla poltrona più importante di Palazzo Colonna. Ormai è palese e pubblicamente ammesso questa è la ricetta per avere il bilancio in attivo, lasciare che si compiano migliaia di metricubi di fabbricati residenziali affinchè i debiti comunali siano assolti. Siamo a questo, come un povero indebitato costretto a vendere un rene o magari un occhio per pagare i propri debiti, Marino si priva così dei suoi organi vitali: il Territorio.

All’ordine del giorno del Consiglio Comunale c’erano ben 6 varianti al P.R.G., dove magicamente terreni che un tempo erano destinati a servizi pubblici si sono trasformati a residenziale privato.

La maggioranza con il sindaco in testa hanno continuato a ripetere la vecchia e poco credibile litania relativa al fatto che loro stanno dando semplicemente esecuzione a un piano regolatore generale ereditato dalla sinistra e quindi, come si suol dire, si trovano con le mani legate dinanzi a certe scelte e quindi continuare a regalare varianti agli amici costruttori è un atto dovuto a cui non vi si può sottrarre.

Certo, soprattutto quando si è siglato un intesa con la Regione Lazio per programmare la costruzione di ben 800.000 metri cubi di cemento su tutto il Divino Amore, un atto scellerato figlio di una delibera consiliare tenutasi alle ore 16:00 del 24 Febbraio senza alcun numero legale, non all’ordine del giorno e con soli 10 consiglieri!!!!

Ovviamente l’IDV non c’entra e questo schifo non l’ha mai votato, cosa che (e questo gliene dobbiamo dare atto) ha ricordato anche Palozzi nel suo lungo intervento

Inoltre il nostro accaldato sindaco ha espresso pacificamente il concetto che con i soldi degli oneri concessori lui ci sta tappando i debiti; a scapito però della distruzione totale di un territorio.

E’ questa la politica finanziaria del Comune? Solo con la cementificazione indiscriminata si possono risanare le casse comunali? E la multi servizi a cosa serve?

La nostra idea di urbanistica è molto chiara e molto diversa

Blindatura della “Questione Urbanistica”; Blocco immediato delle attuali varianti in atto, al fine di elaborare con metodo partecipativo un Piano Strategico propedeutico ad un nuovo PRG: Coinvolgimento diretto di Università Italiane ed Europee, nonché di professionalità internazionalmente riconosciute per attivare su Marino un Laboratorio di Urbanistica, Architettura del Paesaggio e Bio-Architettura che sia autofinanziabile e che fissi le linee strategiche per il ridisegno del territorio secondo forme di sviluppo locale sostenibile

IDV Marino

Andrea Mercuri e Andrea Trinca

Annunci

0 Responses to “CONSIGLIO COMUNALE: CONSUMIAMO E SVENDIAMO IL NOSTRO TERRITORIO, LA RICETTA PALOZZI PER SANARE I DEBITI DEL COMUNE”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: